giovedì 8 maggio 2014

Equatore, Miguel Sousa Tavares

Equatore, Miguel Sousa Tavares 
Traduzione dal portoghese di Clelia Bettini, Beat edizioni







Luis Bernardo, caro,
tu sai che se non fosse stato per la Nela San non ci saremmo mai incrociati, vero?
Nonostante l’attrazione per il mondo lusofono, nonostante la fascinazione per quelle terre d’Africa che a volte ritorna… Nonostante tutto ciò, il nostro è stato un incontro combinato; una di quelle situazioni imbarazzanti in cui mi faceva cadere qualcuno dei miei amici quando ero ancora una zitella spensierata: “Ah, forse stasera viene anche Tizio. Un ragazzo simpatico; vedrai, vi troverete bene insieme”. La Nela San ha parlato a lungo di Portogallo e da língua portuguesa, poi mi ha trascinato in libreria e mi ha piazzato questa storia tra le mani. “Secondo me potrebbe piacerti”.  Come avrei potuto voltar le spalle e guardare altrove?
Scetticismo iniziale. La prima volta che ti ho ascoltato mi sei sembrato persino antipatico. Sì, insomma, il tipico radical chic lisbonese d’inizio Novecento. È facile fare il progressista dalle idee liberali quando provieni da una famiglia borghese, hai ereditato una discreta attività commerciale senza dover muovere un dito, ti sei diligentemente laureato in giurisprudenza, frequenti i club più in voga di Lisboa e scribacchi le tue opinioni sui quotidiani portoghesi. Come se non bastasse, seduci donne a destra e manca, preferibilmente maritate; sei giovane, elegante, sexy… e sai di esserlo. Un uomo da cui tenersi ben alla larga. 
Però ti facevo più furbo. Ma dimmi, quando sei partito alla volta di São Tomé, novello governatore per caso, pensavi davvero che la schiavitù fosse morta e sepolta nell’Ottocento? Dico, come potevano quattro proprietari bianchi trasformare due sputi di isolette perse sulla linea equatoriale nel secondo produttore di cacao nel mondo? 


Non verrai mica a raccontarmi che, prima di accettare l’incarico di governatore laggiù, pensassi davvero che nelle piantagioni di Säo Tomé e Príncipe avresti trovato lavoratori angolani trattati in modo umano dai padroni bianchi; lavoratori abbondantemente nutriti, ben salariati e liberi di dare le dimissioni in qualsiasi momento? Suvvia!...Il re Carlo di Portogallo (anzi, il suo consigliere), ti ha creduto l’uomo giusto al momento giusto; colto, energico, lontano dalla vecchia aristocrazia; ma chiedeva che tu realizzassi un’impresa impossibile: mantenere inalterati i privilegi dei coloni bianchi in terra nera, fingere di non vedere le disumane condizioni di lavoro nelle piantagioni e inventarsi, non so bene cosa, per nasconderle al mondo intero, pubblicizzando invece le magnifiche sorti e progressive realizzate dal Portogallo nelle proprie colonie.
Ho cominciato a provare simpatia per te solo dopo il tuo arrivo a São Tomé. Un po’ presuntuoso ma dal volto umano. Ci credevi davvero alla storia dell’uguaglianza tra bianchi e negri, ci credevi davvero ai diritti dei lavoratori e alla necessità di difendere i deboli. Peccato ti sia fatto irretire da quella puttanella inglese, come disse la saggia Maria Augusta!
Ann mi è stata antipatica dal primo momento. Un’antipatia a pelle. No, non parlo per gelosia: quando incontro una donna veramente bella, un corpo statuario, elegante, un volto perfetto, lo riconosco. Bella era bella, ma qualche dubbio sulla sua onestà, sulla sua trasparenza, ti sarebbe dovuto sorgere. “Ho promesso di restare al fianco di mio marito”; sì, vabbè, ma poi faccio quello che voglio e lui ne è consapevole. Tu, Luis Bernardo, non sei nato nella Roma di fine Novecento, altrimenti l’avresti liquidata con un “Ti piace vincere facile!”
Comunque sia, hai preferito lei a noi tutte. E noi abbiamo continuato a seguirti con apprensione. Confesso che ho letto la tua ultima lettera con il magone. Mi aspettavano in pista per l’allenamento infrasettimanale ed io lì che non riuscivo a staccarmi dalle tue parole.
Mi hai raccontato un mondo che non conoscevo, hai cambiato la mia opinione sul colonialismo portoghese (ingenuamente ho sempre pensato fosse stato più blando rispetto alle nefandezze delle altre potenze) e mi è venuta una certa curiosità sul mondo sommerso del cacao (casualmente, ho già in libreria “Cacao” di Jorge Amado, che a questo punto dovrò leggere).
Mi hai guardato distrattamente, perso come eri per la tua Ann. Non preoccuparti, non me la son presa. Non sei stato il mio grande amore, non sei stato la mia occasione mancata. Però ti ho voluto un po’ di bene.
Ciao Luis.




6 commenti:

  1. Ma che bella recensione... affettiva! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara la mia traduttora, troppo buona…
      Il post voleva essere un omaggio alla Nela San a cui piacciono le mie recensioni epistolari. Confesso che ci sono dei libri (questo ne è un esempio) che ti trascinano così tanto dentro la storia da volerti far dire la tua. Vorresti poter invitare il protagonista a cena da te e raccontargli tra un bicchiere di vino rosso e l’altro ciò che pensi...

      Elimina
  2. Qui c'è tutto. Confesso che all'inizio quando lo hai redarguito dicendogli:" Però ti facevo più furbo" mi è scattato un moto irrefrenabile di ilarità. Ma nel prosieguo ho ritrovato tutte le sensazioni che ho provato io per lui, per Ann e per la situazione, compreso di magone finale. Si devi leggere Cacao, è come dire I Malavoglia dei Sergipani. Quanto a questa tua recensione che aspettavo fremente, finalmente! (E scusa la rima baciata). Se fossi stata al posto di Augias quando Ha presentato Sousa Tavares al Salone del libro di TO, tu, con questa presentazione, saresti stata da standing ovation!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potevo lasciarti a bocca asciutta. E poi era il libro perfetto per una recensione epistolare. Al momento, ho tra le mani un francese ma passerò presto a “Cacao”. L’avevo acquistato tanto tempo fa dopo aver letto il delizioso “Dona Flor e suoi due mariti” e “Gabriella, garofano e cannella” ma ora credo sia il momento giusto per ri-approdare al cioccolato (che, ahimè, in questo periodo non posso mangiare. Ma questa è un’altra triste storia).
      Un abbraccio e grazie ancora per avermi presentato quel bell’uomo di Luis Bernardo!

      Elimina
  3. Che bella 'idea delle recensioni epistolari! Ma non è da tutti riuscirci così bene. Corro a prendere il libro. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, che responsabilità! Speriamo ti piaccia!!

      Elimina

Il tuo commento sarà visibile dopo l'approvazione.